Passa ai contenuti principali
Secondo seminario nazionale del karate tradizionale di Okinawa     



Domenica 11 marzo presso la scuola giapponese di Milano si è tenuto il secondo incontro nazionale dedicato al karate tradizionale di Okinawa, organizzato dall’ Okinawa karate kenkyukai. Io non avevo partecipato al primo seminario e devo dire che sono realmente grato al maestro Emanuel Giordano di avermi dato questa possibilità e sono sicuro che anche chi aveva già avuto la fortuna di partecipare alla prima edizione non è rimasto deluso.       

La giornata, intensa ma scorrevole si è svolta in un clima di rispetto, amicizia e passione. Grazie alla presenza del maestro Akamine Hiroshi arrivato direttamente dall’isola di Okinawa, che ha aperto la pratica mattutina, insegnando l’arte del kobudo con lo studio base dell’utilizzo del bo, il bastone lungo, arma principale e fondamentale di questa disciplina che è strettamente legata al karate. Dopo la pratica con il bo, il maestro aiutato da due suoi studenti diretti, ha dimostrato altre armi tipiche presenti nella sua scuola, mostrando un kata per ognuna delle armi accompagnando il tutto con qualche applicazione e qualche dritta sull’utilizzo di questi “attrezzi”. Dopo questa prima parte il maestro ha dato la possibilità, dividendo i partecipanti in due gruppi, di praticare karate o approfondire ulteriormente il kobudo. Lui con un gruppo ha proposto qualche esercizio basato su alcuni meccanismi del corpo tipici del karate di Okinawa, mentre i suoi collaboratori, Hamby Dell e Rafael Salmeron,  hanno continuato ad approfondire la pratica con il bastone con l’altro gruppo. Finita questa prima parte del seminario e dopo le foto di gruppo e con il maestro, c’è stata la pausa per rigenerare qualche energia mangiando qualcosa.   

Nel frattempo la pioggia non ha mai smesso di scendere, facendoci compagnia con il suo ticchettio fino all’ora di rimettere i piedi sul tatami.   

La seconda parte del seminario è stata incentrata sulla studio dei diversi stili del karate di Okinawa, nello specifico Shorin-ryu e Goju-ryu. Purtroppo per motivi di salute il maestro Eduardo De Angelis che doveva proporre lo stile Uechi-ryu non ha potuto rimanere e quindi dopo aver creato tre gruppi a turno i praticanti hanno avuto la possibilità di praticare con i maestri Emanuel Giordano (Shorin-ryu) Mattia Maritan (Goju-ryu) Mirko Mori (Shorin-ryu) ed il maestro Santiago Sacaba (Shorin-ryu) che tra l’altro ringrazio per aver supervisionato tutto il seminario donando preziosi suggerimenti a tutti i praticanti. Girando da un maestro all’altro è stato possibile approfondire il karate senza distinzioni di stili e personalmente ho avuto la possibilità di notare come i principi tipici di ogni stile completano e sono perfettamente in sintonia con gli altri. Tra i praticanti vi era molta varietà di scuole di provenienza, ed è stato bello vedere e rendersi conto che nonostante differenti pratiche e differenti forme tutti eravamo praticanti della stessa arte marziale.   Dopo otto ore di pratica questa bellissima esperienza si è conclusa lasciando qualcosa in più nel “bagagliaio” delle conoscenze di ogni persona che vi ha preso parte. Spero di poter ripetere questa esperienza per approfondire le conoscenze con i maestri ed i vari partecipanti che hanno dato vita ad una giornata sicuramente da ricordare.   

Colgo l’occasione per ringraziare Emanuel, per la passione che dedica a quest’arte marziale, che sto avendo modo di conoscere meglio mensilmente grazie ad un percorso dedicato allo studio dello stile S0horin-ryu e che consiglio vivamente a chiunque avesse la possibilità di parteciparvi.   

Oltre a lui voglio ringraziare il maestro Akamine Hiroshi che nonostante non fosse nelle migliori condizioni fisiche ha fatto il possibile per farci apprendere l’arte che insegna con attenzione ai particolari, molta simpatia  e cosa che mi ha colpito molto, con grande umiltà.   

Ringrazio i suoi collaboratori Hamby Dell e Rafael Salmeron, il ragazzo  che si è prestato ad un doppio e duro lavoro, traducendo dal giapponese all’italiano rendendo possibile la comprensione di ciò che veniva detto.  

Ringrazio gli altri maestri che hanno trasmesso la loro esperienza e competenza in modo molto semplice anche per chi come me non ha grande esperienza alle spalle. Il maestro Sacaba, il maestro Maritan ed il maestro Mori.  

Infine ringrazio il maestro Okochi Akimitsu della scuola Gesshinkai e le altre persone che hanno ospitato l’evento nella scuola giapponese di via Arzaga a Milano. E un grazie a tutti i partecipanti con cui ho condiviso ore di allenamento e scambio di conoscenze.  

Alla prossima,  
 Alessandro Rebuscini

Commenti

Post popolari in questo blog

VIAGGIO ALLA RICERCA DELL'INGREDIENTE DIMENTICATO: OKINAWA, LA TERRA DELLA CORTESIA 
Buonasera, è con grande entusiasmo e meraviglia che mi appresto a raccontarvi in questo articolo del viaggio al quale ho avuto modo di prender parte verso una terra lontana che da tempo sognavo di visitare e che voglio documentare in modo da poterlo, quando ne avrò il desiderio, tornare a rivivere non solo con la memoria ma con qualcosa di concreto. Voglio, prima di procedere al racconto, consegnarvi un insegnamento importante che quest'esperienza mi ha fornito. Vi confesso che da quando ho iniziato a praticare arti marziali poco più di cinque anni fa, il desiderio di recarmi ad Okinawa è cresciuto nel tempo. Il mio interesse verso questo vasto mondo si è alimentato grazie a numerose letture, ricerche e ovviamente anche grazie alle moderne tecnologie che consentono di vedere realtà lontane con un semplice "click" dal mouse del computer. In queste ricerche ho incontrato e fatto la super…
IL KARATE: Una questione di stili oppure un cammino verso una meta raggiungibile attraverso strade diverse? 
Buongiorno cari lettori, oggi ho deciso di pubblicare questo articolo nel quale proverò ad esprimere il mio pensiero riguardo la questione degli innumerevoli "stili" presenti ormai in ogni arte marziale, e che soprattutto nel karate hanno portato ad una (a mio parere) distorta immagine di ciò che gli antichi maestri volevano dare a quest'arte meravigliosa. Gli esempi dei primi pionieri del karate che possono essere usati a testimonianza di quanto ho detto sopra sono molti e basta in realtà leggere qualche libro scritto appunto da qualcuno di questi primi maestri per trovarne alcuni. Io in questo articolo desidero trattare l'argomento in maniera generale senza fare esempi specifici ed esponendo quello che in questi pochi anni di pratica e studio ho compreso. Oltre a fare questo avendo io iniziato la pratica del karate praticando il metodo della scuola Shotokan (l…
Choki Motobu e il Bubishi
Vorrei parlare in questo mio articolo, della presunta conoscenza che, probabilmente, ebbe Motobu Choki del famoso libro di origine cinese che è servito da modello ed ispirazione per i più grandi pionieri del karate ad Okinawa. Il Bubishi è uno scritto privo di autore e anno di pubblicazione forse risalente al diciannovesimo secolo che contiene al suo interno vari argomenti riguardanti le arti marziali. Pare che questo libro venne segretamente tenuto da vari maestri di karate che se lo passavano, in forma di copia, tra insegnante ed allievo. Si sa di certo, secondo alcune testimonianze, che Higaonna Kanryo e Itosu Anko ne possedevano una copia e che i loro allievi più conosciuti ne avevano a loro volta fatta una copia da tenere e studiare. Infatti sia Chojun Miyagi (Goju-ryu), Kenwa Mabuni (Shito-ryu) che Gichin Funakoshi (Shotokan-ryu) menzionano il fatto di aver avuto tra le mani questo testo e di averlo ricevuto dai loro insegnanti. Vorrei parlare però di un…